I denti vanno lavati lentamente


Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online I denti vanno lavati lentamente file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with I denti vanno lavati lentamente book. Happy reading I denti vanno lavati lentamente Bookeveryone. Download file Free Book PDF I denti vanno lavati lentamente at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF I denti vanno lavati lentamente Pocket Guide.


You smiling in your pram, you in the bath, you with the furry rabbit, you asleep, thumb curled into your mouth. They'd put me in a dorm with three other women. Perhaps they thought the company would do me good. One of them was called Dotty, poor cow. Fancy being on de nut wing, called Dotty. Fucking incredible, she could make a rollie out of anything, that woman. I miss my kids something awful.

Potty fucking dog-end Dotty. She puts her skinny arm around me when I cry. Your second word was Ma. You said it all the time then, when you learnt how. You were so proud, pointing at me saying Ma and I'd blow kisses on your tummy. She smells lovely, so I know she isn't from the prison. So I trail after her down the corridor. We all sit painting with our fingers because brushes are too dangerous. I draw some big yellow flowers. She says she'll come and visit me once a week, if I want, but as soon as she goes away I forget who she is.

I find plenty of places to cry in the cell. I cry by the window; I cry by my bed; I cry in the tiny dark smelly toilet. When I get bored of crying in one place, I move. The tears are silent but they still get on everyone's nerves. No difference between night and day. The others play cards wearily and write letters home, while I see a parade of passing shrinks. Tall shrinks, small shrinks, bald shrinks, old shrinks. Shrinks with glasses, shrinks with half-glasses; shrinks who smile, shrinks with mouths like cats' arses. And one shrink, my favourite, with a big wart by the side of his nose.

It's all I ever look at when I'm with him. He and I play a little game. He waits for me to speak and I wait for him. Perhaps I know he'll have nothing interesting to say. He waits, I am waiting; it's different. So I tell him, all over again. I laid him down to sleep and I drank. I washed the aspirins neatly down my throat.

I drank fast and furious out of the bottle, gagging at the strength of the spirit. I was nearly sick. Then - I can't remember -I can't remember!


  • Textbooknova I Denti Vanno Lavati Lentamente Djvu By Bruno Serafini?
  • 9 Lives of a Fighter Pilot: One pilots personal story as an American patriot;
  • Teddy Bear Toys & What Drives Cars.
  • .
  • !

I took up a pillow and without looking I placed it over him, so so gently, and I pressed down on it for a long time, without looking. I couldn't look, in case. I saw him kick. Then I went into the kitchen and swallowed the rest of the pills and I drank and I drank and I drank. Then - then I dropped the bottle.

Each time I see them I never learn to give only the smallest crumb. I bare all and each time without fail, the pain is left, screaming bloody raw, the stale sticking plaster ripped off cruelly, without thought. No lint but acid, neat to the wound. Maybe I never cried enough. Now I can't hold you I'm always cold, so cold. I am cold even in the summer, with the heat of the sun striping my skin through the bars.

I sit on the radiator by the big window and try to catch its rays. They seem to go right through my hand. I started to cut myself to see if the blood still ran, trickling down my thin, papery skin. I thought the liquid would be blue, but it was still red and dark and alive, disappointingly. The thing about death is, it doesn't come easy. You really have to work at it, and you have to be bloody determined; because death knows if you aren't.

I tried drinking shampoo; but it only came in little sachets and all it did was make me puke. I sawed away at my wrists, with the blunt rusty razor they gave us to shave our legs for visits. Every day an officer tipped pink disinfectant down our sink and I cupped it in my hands before it disappeared and drank it. One time I fetched a cup of boiling water secretly from the urn. I mixed four spoons of sugar in it and threw it down my neck. The pain was a relief. Jesus wants me for a sunbeam. The woman next door, she isn't coy like me.

She's a screamer, is Christine, and a banger and a wailer, and she has a little, round red hole, right smack in the centre of her forehead. She bangs her head, see, against the wall, the floor, the metal sink. Sometimes I feel myself burning, trembling, a shudder running through me, and I cover toy eyes and swallow and it goes back from where it came.


  • Primary Sidebar;
  • Ripples!
  • !
  • Home Page - Maurizio keluqypanece.tk - Quando lo sport diventa avventura!
  • .
  • A Vince Torelli Novel Book 2: Retribution!
  • .

When I was a kid, sometimes Dad would pile us on to a bus and we'd go a little village by the seaside. There was a white church with old paintings that my mum used to like and a path along the cliffs. My dad would sit on the beach wearing a silly hat, trouser legs rolled up. My brothers and sister and me would run along the cliffs. I used to go for miles, playing a game where I was a spy, or a princess, running from trouble. One day I almost ran into an old man. He was sitting there very, very still. He was wearing a jumper but he looked like a king, so I told him of the armies I was running from.

He nodded and asked if I would like to sit with him for a while. He said if I kept very still, the soldiers probably wouldn't find me. He asked me if I knew who had made the cliffs, and how. I said no, I didn't. So he told me about ice, and dinosaurs, and terrible storms, and the Cracking Of The Earth. It was the best story I ever heard. When my dad came looking for me it was growing dark. He gave me a thump and put me back on the bus.

And then my mum comes to visit. She looks round, worried she might catch a disease, from being in the same room as prostitutes, drug addicts, thieves. She hangs onto her bag tightly, wearing a headscarf so that no one'll recognise her, because there are bound to be plenty of people from Morecambe strolling round Holloway Prison, aren't there? I put on a frock and some lipgloss. She said she heard about you when the local paper phoned her for a quote or two. We sit silent and apart. I can't go back, and she can't come forward. She looks so old, so tired. The baby - ' 'Please don't, I'll scream.

Don't be sorry, Mum, Please don't be sorry. She asks could she come back and see me again? It gets lonely, you know, just me and the cockroaches. We never talked, me and my mum. And now there's everything in the world left to say. My lawyer began to come more and more often. He tried to give me some chocolate once but it wasn't allowed.

Studio Dentistico - Lavarsi i denti 3 volte al giorno?

He brought statements with him from police; forensic scientists; prison staff; and of course, psychiatrists. She is reluctant to talk, giving sly glances at me, but is unable to meet my eyes. Her manner may be manipulative; she has obviously learned to relate to men in a sexual manner and this was apparent throughout our meetings. When asked if she regretted what she had done, she refused to answer and this indicates to me that she is trying to give the impression that she was not responsible.

Jones has JORDAN 25 refused her solicitor dialogue with me, telling him that she considers psychiatrists to be a load of crap. From this, I conclude that she has a problem with authority and courts controversy. She is definitely fit to plead. Her statement was like a Reader's Confidential; blood everywhere. Davey told them I was a common prostitute. I didn't have to, but anything was better than waiting, lying on the bed all day. I washed the corridors of power with carbolic soap, shedding the skin of my hands on the toil.

I cleaned out the bathrooms, pulling a tangle of assorted hairs out of the plugholes. I polished the tiles until they gleamed and everyone was very pleased with me. The nice lady came back and said I should get a gold star. I even went down the gym once. There were these two big men there. Bill and fucking Ben, trying to get us to do press-ups.

Hut we were all on too much medication and we just lay on the Moor like dead fish. I told him to fuck off and they look me back to the wing. That's me, hard as nails. Your second Christmas came and went. No presents, no visits to Santa, no nativity. Dotty made us snowmen out of sanitary towels and we all made cards in art. I sent one to my mum and she sent me one back with a candle on it. Then it was time to go to court. There were seven of us making appearances that day. We all met in reception with our best clothes and borrowed tan tights.

I had nothing much to put in it. She takes a toy rabbit out of the bag, looks at it for a moment and quickly returns it. It's nice, isn't it? I never showed anything, Jordan, first day of the trial. Valium in my veins, forensic photos of you in my head. I never blinked, never moved a muscle. I dug a safety pin into my wrist so hard that tears of pain came to my eyes. I concentrated all of me into that and of course, I looked at the jury. Wish there were more like her. Now I know why. On the third day I had to go in the box. I could see the nice lady sitting in the gallery and I smiled at her.

It saved me from looking at my mum. The wig from the Crown, the other side, spoke to me like I was a child; an evil lunatic. You say that you left the pram on the shore? You intended to return home, having purchased drugs and alcohol, and murder your child, the victim, Jordan Jones. Then -I can't remember. I took up a pillow - and without looking I - Hang me! Don't let me linger on like this! I wish for the death sentence with all my soul! A picture of him from a telly in my head to come into focus for just a moment and I want to be there, where he is!

I long for you to place a black cap on your JORDAN 27 head and for someone to put a noose, thick and ropey, around my neck, and for it all to be over! Know what the worst thing about prison is, Jordan? For me it Isn't the food, or the smell, or the screaming you hear at night sometimes; for me, it's the visiting room. It's other people's kids, you see.. I watch them all the time.

There was one little boy about two and he's always be running up and down the room, restless he was, typical terrible two. He had brown skin and hair just like yours. He ran straight up to me once and stood looking at me, like they do. I had to hold myself back from touching him.

Poesie e filastrocche sulla pioggia il temporale l'arcobaleno

His mum called him but he didn't go. After the visit was over, I just sat there, blank. The screws waited for a while then they sighed and stubbed their fags out and took me into the search room to frisk me down. They never look you in the eye when they do that. Makes them uncomfortable too, see, running their hands over a perfect stranger's body. Anyway, there isn't really a Them and an Us.

I only light with the monsters inside me, not the ones that patrol the- corridors and lock the doors because they have some compassion. Every time I hear. Every time I hear a baby cry on the wing below me, every time I see a woman kissing her baby's head or sucking its toes or blowing on its soft, fat stomach, my throat sticks hard and rasping and I can't swallow. I freeze when I hear wailing; the crying of a child tears me into tiny pieces. I curl myself into a ball as small and tight as I can and move away from the noise. I want to comfort that crying child.

Davey used to say to me: You love him loo much. As the victim was just thirteen months old, she must be tried for murder. I ask to consider how unfit the woman you see before you is to undergo the torture of a life sentence in prison. I walk very near to the edge of the cliffs and look down. They're all worn away by the tide. Then I see a downy head, or hear a gurgle, a small fat hand reaching out, and the cliffs begin to crumble.

But now it's time to go. One thing or the other now. A life sentence or freedom. The queen and her child rode by horse for many days, over mountains, through rivers and dark forests, until at last they came to a magical land where food was plenteous and the dazzling sun always shone, a land where they played in the trees and grass, and danced together on the path towards the moon.

And of course, they lived happily ever after. Words appear on a screen: Ho gli occhi abbagliati: All'interno solo una sedia di grandi dimensioni. Sul pavimento ci sono una bottiglia d'acqua, un grande barattolo di yogurt e una rivista femminile anche questa di grandi dimensioni. Ha una ventina di anni, vestita alla moda con colori vivaci. C'era una volta un mugnaio che aveva una bellissima figlia con la pelle bianca come la neve, labbra rosse come il sangue e lunghi capelli color oro.

Ma la fanciulla venne portata a palazzo e chiusa in una stanza piena di paglia. In un angolo c'era un arcolaio. Sola, prese in mano una manciata di paglia. Aveva un grande sorriso e una barba che gli arrivava fino alla vita. La stanza risplendeva d'oro. Quando il Re vide tutto questo rimase abbagliato. Vengo da un grande edifico a mattoni rossi. Alto, finestre sottili, infissi di plastica. Rumore di ragazze che ridono. Un continuo odore di cena. Fuori, vedo i londinesi passare, guardano storto verso alto. Fili per stendere il bucato, pantaloncini appesi ad asciugare.

Il pub dall'altra parte della strada. Segni di vita normale. Mi hanno portato qui questa mattina in un camioncino. Pensavo sarebbe stata elegante, come in Avventure al Bailey ma il pavimento era sporco e una parete aveva l'intonaco scrostato. Quando sono andata in bagno, ho visto che qualcuno aveva scritto una barzelletta su un pervertito e un pollo su un lato della porta. Fuori c'era una guardia, mi ha detto che non era una faccenda su cui ridere. Lei pensa che io sia pazza.

Sa che vengo da Fraggle Rock. La casa dei Muppet ; la sezione dei matti svitati. Nessuno di noi ammette di vivere li. Nessuno intende rimanerci a lungo. Prende una sigaretta dalla borsa. Sono dentro da un anno oggi. Solo che non ho un fottuto accendino. Nella nostra sezione ci viene dato un accendino allo scoccare dell'ora, ogni ora. Troppe persone troppo amore per il fuoco, capite. Una notte mi sono addormentata con la sigaretta in mano, ho fatto un buco nel divano. Quando mi sono svegliata tremavo.

Usando il filtro, diceva che avrebbe impedito alla nicotina di arrivare ai polmoni. Io ero li alla fine. Due fratelli, una sorella, me, la cuccioletta, l'ultima arrivata. Nessuno parlava, non avevamo niente da dirci. Ho bisogno di una sigaretta. Valutando la situazione, Jordan, direi che il cancro consuma la vita, veramente. Entrambe, la malattia terminale e la prigione, ti mangiano dall'interno. Ho visto donne condannarsi a morte da sole, ergastolane, escono, vicine alla fine, in permesso, occhi morti, senza futuro.

Nessuno ha lasciato il fuori aperto per loro. Il passato cancellato come sporcizia fuori dalla finestra. Le persone si dispiacciono per te quando scoprono che hai visto morire un bambino. Ho portato il segreto di te ovunque io andassi. Ho aspettato e aspettato che tu arrivassi e ti parlavo mentre stavo sdraiata da sola la notte, schiacciata sotto il peso della mia enorme pancia. Tu sei ancora qui, dentro di me, proprio come prima che nascessi, in silenzio, ascolti, respiri con me. Cerco e scavo e faccio a brandelli la mia memoria tentando di mettere insieme tutti i pezzi come per una fotografia strappata, nella speranza che qualcuno capisca.

Ti alzi, scruti il prato pallido fuori dalla finestra ricoperta di rifiuti, avanzi di cibo, merda di piccione, tampax. Qualcuno viene e lo fa per te. Una standard, devi adattartici a modo tuo. Ci sono differenze tra l'essere psicopatica, depressa, e nevrotica: Io non ho mai capito. Nel presente si vive. Oggi, Jordan io aspetto. Aspetto che un uomo con una parrucca bianca e una tonaca rossa esprima un giudizio su di me; su di noi. Un uomo con una parrucca bianca come la neve e una tonaca rossa come il sangue. Quello di oggi ha una faccia gentile, una faccia da babbo natale. Mia madre, seduta in galleria, che si aggrappa alla borsa.

La giuria … li conto e li riconto. Un bel numero pari. Quando alzo gli occhi li becco mentre cercano di far finta di non guardarmi. Facce comuni, facce in una folla. Come in chiesa, solo che non sono sicura di quale religione si tratti. Mi guarda tutto il tempo, riesco a sentire i suoi occhi puntati su un lato della mia faccia, ma non la guardo. Quando mi portano fuori, mi mette sempre una mano sul braccio come se fossi cieca. Ti fanno sedere sotto una lampada e ti fanno una foto. Non ridere mi hanno detto con rabbia, bruscamente. Si gira a sinistra. Si gira a destra. Ora posso dire il suo nome e non mi ferisce.

Sfregio da puttana, lo chiamano. Un coltello a scatto, che ha fatto scattare su di me. Arriva su una motocicletta enorme. Si ferma esattamente di fronte a me; si toglie il casco, capelli neri. Mi ha portato a fare un giro. Vicoli umidi, sedili posteriori, raramente letti.

Poesie e filastrocche sulla pioggia il temporale l’arcobaleno

Uomini come lardo; uomini come buste di patatine zuppe di pioggia. Ma Davey era diverso. Con lui sarebbe andato tutto diversamente. Eravamo innamorati, mi ha detto. Ma non ti aspettare che continui a ripetertelo. Mi sono attaccata a questo improbabile ragazzo con tutte le mie forze. Diverso significava eccitante; significava amore, significava futuro, significava portami via da qui e soffia dentro di me la vita.

Mi ha portato via dal piccolo negozio in cui lavoravo. Bibite gassate, strofinacci, e oggetti fatti di conchiglie. Per la prima volta nella mia vita mi sentivo viva. Prima mi stancava qualsiasi cosa. Ho dormito nel periodo della scuola, ho dormito negli anni, sognando un altrove.

Su questo non mi sbaglio. Beh ho baciato centinaia di rospi. Ha sposato un rospo, mio padre. Quando ero bambina sembrava enorme. Sopraciglia folte, occhi sporgenti, pugni grandi. Certi giorni mia madre aveva degli strani colori in faccia, era gonfia come se fosse stata dal dentista.

I vicini, le signore nei negozi, i miei fratelli. Tutti si comportavano come se non ci fossero. Mi nascondevo da quella faccia. In quei giorni mio padre le comprava sempre dei grandi fiori gialli e dei bigliettini con delle poesie. Beh, si deve saper essere gentili per essere crudeli. Odio il dannato mare, odio i turisti da Manchester e gli studenti di qualsiasi luogo. Odio i videogames parlanti che ci sono sul lungomare e i bingo che sembrano non finire mai.

Vivo per il momento in cui lui si avvinghia a me e mi porta via su quel suo mostro di motocicletta. Ora la mamma ti fa volare. Lo strizzacervelli che ho visto dentro, dice che volevo che Davey fosse mio padre. Mi muovevo verso il fuoco come una donna cieca, ritraendomi, quando sentivo il calore. Non volevo un qualche triste cazzone. O un povero stronzo tutto in tiro ma sempre attraente come un hamburger, che vaga per i negozi. Non volevo uno morto come me. E Davey era veramente pericoloso. Io mi aggrappavo forte alla sua schiena durante la fuga. Tutto quello che ho portato con me era qualche paio di mutande e le mie cassette.

Abbiamo preso insieme un piccolo appartamento. Tappeti swirly-whirly , mosche morte sul davanzale e il letto che veniva fuori dal guardaroba. Settimo piano con vista. Dormivamo per la maggior parte del giorno. Io, lui e la motocicletta; il nostro piccolo trio. Mi chiedevo chi delle delle due preferisse. La motocicletta sicuramente occupava tutti i sabato pomeriggio. Una sera abbiamo preso del cibo da asporto e ci siamo seduti di fronte alla tv.

Ha smesso di farmi ridere dandomi un pugno. Era la prima volta. Non nel nostro mondo. Ma non era nausea mattutina. Mi guardava con imbarazzo in continuazione. Appena ho cominciato a ingrassare, anche se si faceva vedere interessato a sentirti mentre scalciavi, era sempre scocciato e passava sempre meno tempo in casa.

Stranamente, non mi importava. Sapevo che stava per sistemarsi tutto. La nostra piccola famiglia. Stavo per diventare parte di qualcosa- ero determinata! Dovevano essere gli ormoni. Sapevo tutte le parole a memoria. Forse pensavo che nonostante tutto Davey volesse dei bambini. Io non parlavo e lui non ascoltava mai. Non mi ha toccato per settimane. Non la conoscevo; aveva una faccia da topo e i capelli crespi e permanentati. Doveva essere proprio disperato.

Ha messo su una cassetta e hanno cominciato a ballare, come se io non fossi li. Lei ha infilato la lingua in un suo orecchio. Non potevo fare niente. Facevo finta che non fosse successo nulla. Davey ha iniziato a essere violento. Le sue mani mi fanno paura. I gabbiani volavano in cerchio. Odiavo il rumore che facevano. Ho aspettato che finisse. Quando la regina diede alla luce un bel maschietto si fece festa in tutto il regno. Il re era fiero della sua bellissima e giovane consorte che non solo sapeva filare la paglia in oro ma gli aveva saputo dare un figlio e un erede al trono.

E poi sei arrivato. Sembravi troppo piccolo per sopravvivere. La bocca come un bocciolo di rosa, che sia apre per strillare, il mio bambino. E' stato in ospedale che ho scoperto di essere un'assassina. Qualcuno aveva un giornale e lesse la storia di un mostro che aveva picchiato il figlio fino ad ucciderlo mentre la moglie stava accanto e guardava. E noi eravamo tutte d'accordo.

Eravamo una banda di assassine con addosso le nostre vestaglie e con le nostre tette piene di latte. Una squadra di assassine. E io ne facevo parte. Non sapevo cosa significasse amare qualcuno prima che tu nascessi. Quando ti tengo in braccio non desidero nient'altro al mondo. Davey borbotta in continuazione. Non ti guarda mai e suoi occhi non incontrano mai i miei. Dice che puzzo di vomito di bambino e di pannolini sporchi. Non gli piace il mio seno calante e pieno di latte. Io sono tutta tua. Ti porto in giro sul mio petto in un marsupio, come un animaletto.

Borse della spesa in mano, tu che dormi o cerchi, con gli occhi chiusi, il mio seno. Sento un rumore, leggero, leggero, forse un lamento. Nel buio vedo una donna piegata su Davey. I suoi pantaloni sono come una fisarmonica alle caviglie. Alla fine lascio cadere le borse e loro si girano verso il rumore.

Davey fa una smorfia e tu lasci andare un lamento. Venendo verso di noi inciampa nei suoi pantaloni e cade sul suo cazzo piccolo e duro, culo all'aria come un palloncino marrone e peloso. Non riesco a fermarmi. Il sapore del sangue e mi colpisce di nuovo. Sento il bordo di un dente rotto contro il mio labbro, e ancora sangue. Tu sei tutto rosso e urli sul mio petto.

Il terzo colpo mi arriva piano, attraverso il tuo corpo. Sembro un mostro, ho il sangue che mi cola sul petto. Sento una voce in lontananza. Che diavolo pensi di fare? Non avevamo soldi, tu ed io, ma ce la siamo cavata in qualche modo. Ho trovato il modo. Hai voluto la bicicletta? Pompini, cinque sterline a botta. Il giro era buono e stavo semplicemente facendo quello che facevo prima di incontrare Davey; ma questa volta era meglio. Ti ho comprato dei vestiti e dei giocattolini … un orso dalle orecchie rosa e un coniglietto che tu adoravi, con una campanella al collo.

Ti piaceva il suono di quella campana. Non volevi mai separartene. Io ti parlavo continuamente. Non c'era nessun altro con cui parlare, comunque, e tu ascoltavi. Significa che Dio ti sta sorridendo, Jordan. Dormivi insieme a me. A ogni piccolo rumore che sentivo pensavo che stessi soffocando, che ti stessi strozzando, che stessi morendo nel tuo lettino. Di solito andavamo a passeggiare sulla spiaggia. Spingevo la carrozzina, avvolta nei miei vecchi maglioni, come una barbona; tu coperto da strati di lana, di Nylon da guanti e sciarpe, come un fagotto di stracci.

Alcune signore giocherellavano con te e sorridevano a me. Non riuscivo a parlare con loro. A me piaceva il loro suono, si infrangevano e si riformavano in continuazione, come il respiro. Sento spesso questo suono ora. Mi conforta di notte. Vuole pisciare, povero bastardo. Indossa una maglietta, qualcuno gli ha stirato il collo.

Morissi in questo istante se mi metto a piangere. Barbara raggiunge Davey e lo trascina al lettino dove tu stai dormendo. Ti prende in braccio. E tu mi tradisci sorridendole. Vorrei che ti fosse antipatica, che ti mettessi ad urlare, ma tu cominci a lanciare dei piccoli urletti, troppo generoso nel dare il tuo amore. Ma come potevi sapere che tu eri tutto quello che io avevo? Due piccole parole come gocce d'acido. Ho cominciato a lanciare tutto quello che mi capitava sotto mano, urlando, urlando come un gatto. Loro sono scappati gridando minacce mentre scendevano le scale.

Nerys ha dato un colpo sul soffitto. Non mi hanno mai riscaldato, questi uomini. Mi hanno sempre lasciato fredda. Di solito pagavo un ragazzino del palazzo per stare con te mentre ero fuori. Un bambino di soli 12 anni; troppo piccolo per conoscere la mia vergogna. Chiunque avrebbe potuto portarti via in quei momenti. Arrivavo blu e tremante per il freddo, con la forma delle loro mani ancora impressa su di me.

Pagavo il ragazzino e lui se ne andava. Alla fine la strappo in mille pezzi con i miei stessi denti e quando i pezzi si sono trasformati in briciole li lancio fuori dalla finestra ai gabbiani. Le butto nel bidone. Quando le persone bussano alla porta, non rispondo mai. Ma so, so che stanno arrivando. Non possiamo nasconderci in bagno per sempre. Immaginavo che mi tendessero un agguato mentre uscivo a comprare da mangiare! Immaginavo che avrebbero circondato il palazzo e che ci avrebbero costretti ad uscire. Spengo le luci, strisciamo sul pavimento al di sotto delle finestre.

Tu lo trovi divertente. Passano i giorni, forse le settimane, forse i mesi. Non so ogni giorno sembra sempre lo stesso, breve e grigio. Lavo i tuoi vestiti, lo faccio in continuazione, e quando sono tutti bagnati, ti metto una delle mie vecchie t-shirt. Poi un giorno finiamo tutti i cereali e le zuppe pronte. Ti do da mangiare l'ultimo uovo, e due ore dopo tu piangi affamato. Lo sta facendo piangere! Per favore, non piangere.

Per favore … non piangere. Tu sei molto stanco e mentre dormi ti cullo nella carrozzina. Passiamo lentamente oltre la porta di Nerys. Riesco a sentire la sua tv, alta, tutto come al solito. Le ruote della carrozzina cigolano ma riusciamo a uscire. Sento il mare che respira in lontananza. So dove sto andando. Compro una bottiglia di vodka e quattro pacchi di aspirine ed ecco; i soldi sono finiti. Mentre cammino lungo la spiaggia comincio a ridere. Cammino lentamente, mentre ti tengo stretto a me. Lascio la carrozzina sulla spiaggia; un regalo per le onde.

Luci brillanti, accecanti, splendenti. Bevo la vodka e prendo le aspirine.. Poi, non posso ricordare. Non posso ricordare, Jordan. Prendo un cuscino e senza guardare lo poso sul tuo viso, piano, piano, e spingo per tanto tempo. Non posso guardare, altrimenti … ti vedrei soffocare. Poi- vado in cucina e ingoio il resto delle pillole. Beve e lascia cadere la bottiglia. Penso … sto facendo un sacco di rumore.

Ero seduta sotto queste luci abbaglianti. Prende in mano la rivista e la sfoglia. Butta via il giornale. Mangia lo yogurt con un dito, lentamente. Per alcuni giorni io non sapevo dove mi trovavo. Odiano qualsiasi cosa abbia a che fare con la violenza sui bambini. Ho detto che avevo importato un carico di eroina.

Mi hanno guardato divertite. Ho messo le tue fotografie in una bacheca sopra il mio letto. Ne ho appiccicata una sul cuscino. Dovevo essere sicura che tu fossi ovunque, ovunque mi girassi. Tu che sorridi nella carrozzina, tu nella vasca, tu con il coniglietto peloso, tu mentre dormi, con il pollice in bocca. Mi hanno messo in cella con altre tre donne. Una veniva chiamata Dotty. Era incredibile cazzo, riusciva a fare una sigaretta dal niente, quella donna. Dotty fottuta pazza cercatrice di mozziconi rotti. Mi mette sempre un braccio attorno alle spalle quando piango.

Lo ripetevi di continuo, appena hai capito come. Ha un buon profumo, so quindi che non sta in prigione. Ho disegnato dei grandi fiori gialli. Ho trovato tanti posti dove piangere in cella. Piango alla finestra; piango nel mio letto; piango nel bagno minuscolo e buio. Quando mi annoio a piangere in un posto, mi sposto. Le lacrime sono silenziose ma danno subito ai nervi delle persone. Le altre giocano a carte e scrivono lettere a casa, mentre io vedo una parata di strizzacervelli che si succedono.

Strizzacervelli alti, strizzacervelli bassi, strizzacervelli calvi, strizzacervelli vecchi. Strizzacervelli con occhiali, strizzacervelli che sorridono e strizzacervelli con la bocca a culo di gallina. Io e lui facciamo un piccolo gioco. Lui aspetta che io parli e io aspetto che parli lui. Ho ingoiato le aspirine. Poi- non posso ricordare- non posso! Poi sono andata in cucina e ho ingoiato il resto delle pillole e ho bevuto e ribevuto. Poi, ho lasciato cadere la bottiglia.

Ogni volta che li vedo non riesco dargli un soldo. Nessuna garza ma acido, sulla ferita. Sono fredda anche in estate, con il calore del sole che mi sfiora la pelle attraverso le sbarre. Mi siedo sul radiatore accanto alla finestra e cerco di catturare i suoi raggi. Sembra che vadano dritto attraverso la mia mano. Pensavo che sarebbe stato blu, ma invece era ancora rosso, scuro, vivo, purtroppo. Ho provato a bere lo shampoo; ma ci viene dato solo in piccole bustine e tutto quello che riusciva a causarmi era vomito.

Mi sono tagliata i polsi con il vecchio rasoio spuntato e arrugginito che ci davano per depilarci le gambe prima delle visite. Ci ho messo quattro cucchiai di zucchero, ho mischiato, e me la sono versata sul collo. La morte mi ha sempre sconfitto. Lei sbatte la testa, capite, contro il muro, il pavimento, il lavandino di metallo. Mio padre si sedeva sulla spiaggia con un ridicolo cappello in testa e i pantaloni arrotolati. Io, i miei fratelli e mia sorella correvamo sulla scogliera.

Correvo per kilometri interi, giocavo ad essere una spia, una principessa o qualcuno che scappava dai guai. Un giorno mi sono quasi scontrata con un uomo. Mi ha detto che se riuscivo a rimanere immobile probabilmente le truppe non mi avrebbero visto. Mi ha chiesto se sapevo chi aveva fatto gli scogli, e come.

Ho detto che no, non lo sapevo. E poi mia mamma viene a trovarmi. Le persone ci stanno guardando. Sediamo in silenzio, appartate. Io non riesco a tornare indietro e lei non riesce ad andare avanti. Non essere dispiaciuta, mamma, per favore non ti dispiacere. Non abbiamo mai parlato io e mia madre. E ora ci sarebbero da dire tutte le cose di questo mondo. Ha portato con se i rapporti della polizia; medico legale, staff della prigione, e naturalmente quelli degli psichiatri.

Si rifiuta di parlare, ogni tanto mi lancia qualche occhiata ma non riesce a guardarmi negli occhi. I suoi modi sono manipolatori; ha chiaramente imparato a relazionarsi agli uomini solo in termini sessuali, e questo era evidente nei nostri incontri. Jones ha rifiutato che il suo avvocato parlasse con me, dicendogli che considera gli psichiatri una manica di stronzi.

Davey ha detto che ero una volgare prostituta. Non ero tenuta a farlo, ma qualsiasi cosa era meglio che aspettare stesa tutto il giorno sul letto. Si rinfresca il campo e il prato, ti saluta il ruscelletto tutto il mondo par beato, sotto il provvido bagnetto. Beve le stanche lacrime del cielo nel gran giardino un triste albero immoto. Un bimbo biondo, col ditino in bocca, guarda dai vetri, silenzioso, assorto. Intanto in un grigiore desolato, piove.

Saluto al sereno Addio, rabbia di tempesta! Addio, strepitio di tuoni! Vanno in fuga i nuvoloni, e pulito il cielo resta. Qualche stilla dai molli alberi si stacca; ogni foglia, fiore o bacca al novello sole brilla. Consolato il mondo tace. Su ciascuna afflitta cosa, come un balsamo, si posa la serena amica pace. Dopo il temporale Spenti in ciel gli ultimi tuoni vanno in fuga i nuvoloni e la pioggia viene meno. Piove sui tetti e sui muri, piove sul lungo viale, piove sugli alberi oscuri con ritmo triste ed uguale; piove; e lo scroscio si sente giungere dalle vetrate che versano lacrime lente come fanciulle imbronciate.

Pioggerella viene in fretta, col profumo di violetta: La pioggia continua a cadere La pioggia continua a cadere e tutta la terra trafigge: La pioggia continua a cadere sottile pungente accidiosa e tutte le strade son colme e lacrime stillano gli alberi.

La chioccia vigile chiama i pulcini: La mia sera Il giorno fu pieno di lampi; ma ora verranno le stelle, le tacite stelle. Le tremule foglie dei pioppi trascorre una gioia leggera. Nel giorno, che lampi! Che pace la sera. Addio tempesta Addio, rabbia di tempesta addio strepitio di tuoni, vanno in fuga i nuvoloni e pulito il cielo resta.

Qualche stilla dei molli alberi si stacca ogni foglia fiore o bacca al novello sole brilla. Consolato il mondo tace su ciascuna afflitta cosa come un balsamo si posa la serena amica pace. E il ranocchio senza ombrello? Sotto il fungo sta bel bello. Tempaccio E piove e piove e piove! E i nuvoloni neri vanno per il cielo, in ronda come carabinieri. Il sol, quasi bandito, spinto da loro in caccia, mostra di tratto in tratto, la spaurita faccia. Che sobbalzo, che spavento! La porta a spasso lieve lieve sul torrente, sulla pieve; tutto il mondo le fa vedere, tetti rossi, maggesi nere.

E che brillio di vetri e di foglie! Quanti bambini lungo il rio! Quante vecchie sulle soglie! Che festa, che chiacchierio! Oh, che brutta nottata! E che lampi, che vento! Tremavo nel mio letto, di freddo e di sgomento. E sul cuore fido ho chiuso gli occhi come un uccellin nel nido, mormorando il tuo nome.

La pioggia cade picchiettando allegra su foglie polverose, e scorre ai margini e casca sopra le rose. Ora si apprezza ogni gradazione del verde. Villanelle indomenicate le case fanno insieme una stoffa a quadratini, a rettangolini di tutti i colori. Pioggia Sui campi stamattina scende una pioggia fina e musica soave splende per ogni dove. Tutta se ne commuove la terra che riceve questa freschezza lieve che dolcemente piove.

Dopo il temporale Son passate le nuvole, e la piova sprigionato ha dal suolo un grato odore; lieta ogni rana si dibatte a prova, a capo chino sgocciola ogni fiore. Presso la chiesa, mentre la sua voce tintinna, canta, a onde lunghe, romba, ruzza uno stuolo, ed alla grande croce tornano a bomba. Piove Piove sui tetti e sui muri, piove sul lungo viale, piove sugli alberi oscuri con ritmo triste ed uguale; piove; e lo scroscio si sente giungere dalle vetrate che versan lacrime lente come fanciulle imbronciate! Ma or gioca rabbonito il vento con i pioppi. Una banda di turchini convolvoli strombetta, davanti alla mia casetta, in un circol di fiori contadini.

Interazioni coi lettori

Spiove Le nubi si distendono in velo che svapora. Il sol riappare e ride sopra un mondo pulito di brillanti vestito. Son gocciole iridate che pendono dai rami corron sui fili tesi, e ridono col sole. Ma il sole ha tanta sete, e nelle fauci ardenti finiscono le gocciole iridate. Dopo il temporale Il giorno fu pieno di lampi; ma ora verranno le stelle, le tacite stelle.

Nel giorno, che lampi, che scoppi! Che pace, la sera!

I denti vanno lavati lentamente I denti vanno lavati lentamente
I denti vanno lavati lentamente I denti vanno lavati lentamente
I denti vanno lavati lentamente I denti vanno lavati lentamente
I denti vanno lavati lentamente I denti vanno lavati lentamente
I denti vanno lavati lentamente I denti vanno lavati lentamente
I denti vanno lavati lentamente I denti vanno lavati lentamente

Related I denti vanno lavati lentamente



Copyright 2019 - All Right Reserved